Metapia Deep Water eXplorers
Ti stai collegando Al Forum Md-X Unified Team
Metapia Deep Water eXplorers

Training,Exploring and Fun
 
IndiceIndice  RegistratiRegistrati  Accedi  
Novembre 2019
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CalendarioCalendario
Ultimi argomenti
» Sono il primo!
relitto Umberto I° EmptyGio 06 Set 2018, 18:59 Da Fabio

» Presentazione
relitto Umberto I° EmptyMer 20 Ago 2014, 11:32 Da MichelePisanu

» Scooter subacqueo
relitto Umberto I° EmptyLun 31 Mar 2014, 19:20 Da ombra

» mi presento
relitto Umberto I° EmptyDom 13 Ott 2013, 12:09 Da l.roby

» ...ed ora anche il manifold...
relitto Umberto I° EmptyDom 06 Ott 2013, 17:51 Da eve

» nuovo iscritto
relitto Umberto I° EmptyDom 22 Set 2013, 13:28 Da Admin

» nuovo iscritto
relitto Umberto I° EmptyDom 22 Set 2013, 13:28 Da Admin

» Carlo è qui e vi saluta tutti!
relitto Umberto I° EmptyDom 22 Set 2013, 13:27 Da Admin

» ciao a tutti
relitto Umberto I° EmptyMar 30 Lug 2013, 22:59 Da Marco V

» Torcia stile DIR
relitto Umberto I° EmptyLun 17 Giu 2013, 12:36 Da z.luca

Friends Team TDI/SDI

 

 

Md-X UTeam Magazine


Condividi
 

 relitto Umberto I°

Andare in basso 
AutoreMessaggio
oldslyguy
Md-X member
Md-X member
oldslyguy

Maschio
Numero di messaggi : 88
Età : 68
Data d'iscrizione : 04.12.08

relitto Umberto I° Empty
MessaggioTitolo: relitto Umberto I°   relitto Umberto I° EmptyMar 16 Dic 2008, 02:56



Tipo: nave mista
Anno di costruzione: 1878
Nazionalità: italiana
Lunghezza: 109,72
Larghezza: 11,58
Armamento: 1-120/40 e 2-76/40
Data affondamento: 14 agosto 1917
Causa dell'affondamento: siluramento
Mare: Mediterraneo
Stato: Italia
Regione: Liguria
Provincia: Savona
Località: Albenga
Profondità minima: 45
Profondità massima: 50
Fondo: sabbia
Tipo di immersione: tecnica


LOCALITA’: dista 800 metri a est dell’isola gallinara,al
largo della cittadina di Albenga(SV)

TIPO DI NAVE: piroscafo a vapore per trasporto passeggeri

STAZZA: 2.766 ton.
il video a questo link: http://www.vejacrica.com/video/umbertoprimo.wmv

LA STORIA

La nave venne commissionata dall’armatore genovese
Piaggio ai cantieri navali di Glasgow che la vararono il 15 agosto 1878.
In onore del sovrano di casa Savoia appena salito al trono l’armatore
decise di chiamarla UMBERTO 1. La nave si distinse subito per la qualita’ dei
servizi e i confort offerti ai passeggeri durante le lunghe traversate
transoceaniche e lo slogan piu’ utilizzato per descrivere tali
servigi era ‘’pane e carni fresche tutti i giorni’’.
Con la sua stazza di 2.766 tonnellate, una lunghezza di 106 metri per
12 di larghezza e 30 cavalli di forza motore divenne insieme al
Regina Margherita un riferimento per il trasporto degli emigranti oltre
oceano. Il transatlantico italiano fu il primo a ottenere la classe piu’ alta
del Registro Navale Inglese. L’Umberto 1 aveva la prima classe
a poppa, con cabine lussuosissime, mentre i passeggeri di seconda erano
sistemati al centro della nave. L’equipaggio era composto da 80
persone. Lo scafo era di colore grigio, con una lunga tuga poppiera,
un fumaiolo, due alberi ‘’a goletta’’ ed una
prua dritta a veliero.Prestò servizio sulla linea Genova-Sud America
fino al 1894. Due anni dopo venne trasformata in nave ospedale a Massaua
fino all’avvento del primo conflitto mondiale. Destino comune a tutte
le navi in tempo di guerra, venne requisita e adibita ad incrociatore ausiliario
di scorta. Alle 18.30 del 14 agosto 1917, mentre navigava in prossimità dell’isola
Gallinara, venne colpita da due siluri. Dai racconti dei superstiti sembra
che la nave ormai ingovernabile fosse rimasta per alcuni minuti a galla
prima di affondare e l’elica, continuando a girare, avesse
ferito molti sopravvissuti che si erano lanciati in mare. Il capitano sarebbe
sceso nella sala macchine in fiamme nel tentativo disperato di bloccare
questo massacro e li avrebbe perso la vita. Di sicuro l’affondamento
dell’ Umberto 1 fu una tragedia visto che perirono ben 26 persone.

L’IMMERSIONE

L’Umberto 1 era una nave costruita in legno
e ferro percui, dopo quasi un secolo di permanenza sul fondo, molte delle
sue strutture sono ormai scomparse. La zona meglio conservata e’ sicuramente
la prua, adagiata lungo la fiancata sinistra sul fondo, appare quasi
all’improvviso lasciando sempre un senso di angoscia in chi la
visita. Ponendo la massima attenzione poiché e’ interamente
coperta da reti e lenze, e’ possibile penetrare all’interno
e ammirare le strutture che un tempo facevano da supporto ai legni dello
scafo. La vista e’ spettacolare perché l’azzurro del
mare e le zone buie create dalle reti e dalle strutture, danno vita a giochi
di luce che fanno la gioia di qualsiasi fotosub. Continuando la visita e’ possibile
ammirare un’apertura circolare, probabilmente l’innesto
del pennone, che si affaccia verso il mare aperto e che e’ la
dimora di un grongo di dimensioni fuori dal comune. Willy, per nulla impaurito,
si avvicina con fare minaccioso come a ribadire che siamo solo ospiti e
neanche molto graditi.Da quest’area si ritorna all’esterno
dello scafo perché le reti lasciano libero il percorso. Avremo modo
di visitare la carena slanciata del piroscafo tipica dei grandi velieri
di fine ottocento, navi a propulsione mista che oltre al motore a vapore
facevano largo uso delle vele. Oltre alla prua, su un’area abbastanza
vasta, sono presenti parti
delle antiche fiancate sparpagliate sul fondo in maniera disordinata,
Per visitare questa parte di relitto occorre dedicarvi un’immersione.
Pensare di farlo dopo l’ispezione alla prua e’ impossibile
perché avremo già abbondantemente superato i limiti di
non decompressione e rischieremmo di accumulare tempi di decompressione
lunghissimi. L’area e’ molto vasta, l’orientamento
difficile perché non e’ possibile indovinare l’antica
struttura della nave, ma solo un groviglio di lamiere e la visibilità e’ sovente
pessima a causa del fondale limoso su cui il relitto appoggia.
Torna in alto Andare in basso
http://www.vejacrica.com
 
relitto Umberto I°
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Metapia Deep Water eXplorers  :: Sezione Immersioni Avanzate :: FORUM - Overhead Diving :: Data Base Wreck-
Vai verso: